Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google




20 Aprile - S. Agnese da Montepulciano Vergine.



In un celebre quadro del Tiepolo, nella chiesa veneziana dei Gesuiti, sono raffìgurate le tre grandi sante domenicane: Caterina da Siena, Rosa da Lima e Agnese da Montepulciano. Quest'ultima è inginocchiata ai piedi della Madonna e contempla un piccolo crocifisso, ricevuto dalle mani di Gesù Bambino durante un'apparizione. La vita di S. Agnese è intessuta di prodigi, dal giorno in cui nacque (nel 1274 a Gracciano Vecchio in riva al lago Trasimeno) e la sua culla fu illuminata da improvvisa luce, fino a sessant'anni dopo la sua morte, quando Caterina da Siena si recò in pellegrinaggio alla sua tomba; mentre la santa senese si chinava a baciarle il piede, questo si sollevò e rimase in tale posizione.

Una mattina, mentre suor Agnese era raccolta in preghiera dinanzi all'altare, dove il vescovo aveva appena celebrato la Messa, la candida tovaglia fu sommersa da un grosso strato di «manna». A Chianciano, dove si era recata per la cura delle acque, ubbidendo a un invito dei suoi superiori, sgorgò all'improvviso una nuova sorgente, che tuttora porta il suo nome. Ma il prodigio più grande è la commovente semplicità e limpidezza della sua anima, dalla quale emanava un fascino irresistibile.

Caterina da Siena, nel suo colorito linguaggio, definisce S. Agnese « mangiatrice e gustatrice di anime », perché « la carità continuamente ardeva nel cuor suo».

Il suo biografo, il B. Raimondo da Capua, parla di « visibile forza esercitata dalla sua santità», che doveva diffondersi e comunicarsi. Nata da nobile famiglia, a nove anni entrò nel monastero delle domenicane del Sacco, così chiamate per la foggia dell'abito che indossavano. A soli quindici anni, per uno speciale indulto pontificio, fu eletta superiora nel monastero di Proceno, un paese della diocesi di Acquapendente. Ma i cittadini di Montepulciano la reclamarono tra di loro e per averla fecero petizioni al vescovo e suppliche all'interessata, finché Agnese, convintasi che quello era il volere di Dio, rientrò definitivamente nella città che un giorno l'avrebbe eletta come sua protettrice.

Il nuovo monastero di Montepulciano venne inaugurato il 3 luglio 1306 e un mese dopo il primo gruppo di suore emetteva i voti religiosi. Il 23 settembre successivo Agnese fu eletta superiora e in tale carica rimase fino alla morte, avvenuta il 20 aprile 1317. Sulla tomba dell'umile badessa di Montepulciano continuarono a manifestarsi i segni della divina predilezione. La sua festa si celebrava a Montepulciano già agli inizi del 1500, duecento anni prima della canonizzazione uffìciale, che avvenne il 10 dicembre 1726.






Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Home Page