Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


31 Agosto - S. Raimondo Nonnato Religioso.


Quando S. Pietro Nolasco, il 10 agosto 1218, dava inizio all'ordine della Mercede per la redenzione degli schiavi, con un rito solenne alla presenza del re nella cattedrale di Barcellona, di cui era canonico l'amico e consigliere S. Raimondo di Pefiafort, tra i fedeli vi era anche il diciottenne Raimondo, detto Nonnato perché estratto dal corpo della madre morta nei travagli del parto. Quattro anni dopo egli entrava infatti a far parte dell'Ordine. Raimondo Nonnato nacque nel 1200 a Portell, nei pressi di Barcellona, da famiglia nobile. Vestito l'abito dei Mercedari a ventiquattro anni, sull'esempio del fondatore si dedicò alla liberazione e alla predicazione tra gli schiavi della Spagna occupata dai Mori, finché, dopo il ritorno da un viaggio a Roma, varcò lo stretto e si recò in Algeria, facendosi schiavo tra gli schiavi per tenere viva in mezzo a loro la fiamma della fede con la parola e con l'esempio di carità fattiva.

Il gesto di Raimondo Nonnato di offrirsi schiavo in cambio della liberazione di un infelice può sembrare il naturale punto di approdo dell'eroica carità di un santo, che vive il vangelo integralmente. Raimondo, tenuto vari mesi come ostaggio e sottoposto a ripetute e crudeli sevizie, compì quel gesto non soltanto per la liberazione di un cristiano la cui fede era pericolosamente vacillante, ma soprattutto per risanare alla radice il male della schiavitù, predicando il vangelo tra gli stessi musulmani. Ripeté così il commovente e non inutile tentativo compiuto pochi anni prima da S. Francesco di Assisi. Ma Raimondo incontrò ascoltatori meno accondiscendenti: per impedirgli di predicare il vangelo, i suoi persecutori arrivarono al punto di perforargli le labbra con un ferro rovente e di serrargliele con un lucchetto, senza peraltro potergli impedire di continuare ad esortare i cristiani, caduti in schiavitù, alla perseveranza nella fede, e a predicare tra gli infedeli l'amore fraterno.

Papa Gregorio IX volle rendergli pubblico omaggio per tanta virtù conferendogli nel 1239, non appena fu liberato, la dignità cardinalizia e convocandolo presso di sé a Roma, come consigliere. Postosi in viaggio per obbedire all'invito del papa, fu colto poco dopo da violentissima febbre e morì il 31 agosto 1240 a Cardona, poco lontano da Barcellona. Fu sepolto nella chiesa di S. Nicola, che la diffusa devozione verso il santo, inserito nel Martirologio Romano nel 1657 da papa Alessandro VII, trasformò in mèta di pellegrinaggi. Per la sua diffìcile nascita dal grembo materno egli è invocato come protettore delle partorienti e delle levatrici.


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page