Il Santo del Calendario Come inserire un font di Google


24 Agosto - S. Bartolomeo Apostolo.


Nei quattro elenchi degli apostoli viene presentato, col nome di Bartolomeo, Bar Tholmai, figlio di Tholmai (in ebraico Tholmai vuol dire aratro o agricoltore). S. Giovanni non fa il nome di Bartolomeo ma di Natanaele, per cui gli studiosi sono concordi nell'identificare Bartolomeo Natanaele. È l'apostolo Filippo a presentargli il Messia: « Abbiamo trovato Colui del quale hanno scritto Mosè nella legge e i Profeti, Gesù di Nazaret ». « Di Nazaret? - replica Natanaele. - Può venire qualcosa di buono da Nazaret? ». Natanaele era di Cana, che dista 14 km da Nazaret, ed è proverbiale la disistima che vige tra villaggi vicini.

Il Maestro, però, gettò subito un ponte fra sé e il giovane di Cana: « Ecco un israelita in cui non v'è falsità». All'udire quell'encomio, Natanaele manifestò la sua sorpresa: « Donde mi conosci tu? E Gesù gli rispose: Prima ancora che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto sotto il fico ». Che cosa fosse avvenuto sotto quel fico rimarrà un segreto tra il limpido apostolo e il Messia. Dopo quel breve colloquio Bartolomeo-Natanaele manifestò la sua adesione incondizionata a Cristo: « Maestro, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re di Israele! ». E Gesù: « Tu crediperché ti ho detto: lo ti ho visto sotto il fico. Vedrai cose maggiori di queste ». Natanaele-Bartolomeo vide infatti i prodigi operati dal Maestro, udì il suo messaggio, assistette alla passione e alla glorificazione del Messia, poi si fece banditore della buona novella, accettando con lo stesso entusiasmo le conseguenze di una testimonianza così impegnativa e compromettente.

Della sua attività apostolica non abbiamo notizie sicure. Le lezioni del Breviario romano attingono sue notizie da un'antica tradizione armena: «L'apostolo Bartolomeo, ch'era di Galilea, si portò nell'India Citeriore, che gli era stata assegnata per l'evangelizzazione al momento del sorteggio per la distribuzione del mondo. Predicò a quei popoli la verità del Signore Gesù secondo il Vangelo di S. Matteo. Dopo che in quella regione ebbe convertito molti a Cristo, sostenendo non poche fatiche e superando molte diffìcoltà, passò nell'Armenia maggiore... dove portò alla fede cristiana il re Polimio e la sposa di lui e inoltre dodici città; ma queste conversioni eccitarono fortemente l'invidia dei sacerdoti locali, ai quali riuscì di aizzare in tal modo il fratello del re Polimio, Astiage, che impartì l'ordine crudele di cavar la pelle a Bartolomeo vivo e poi decapitarlo».


Vangelo
di ogni Giorno
con Commento

 
 

Indice Calendario Dei Santi:

Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre
 
 


Home Page